google-site-verification: google00092ade67902d5d.html

Pan di Mandarino e il mio problema con la Sicilia



pandimandarino emporio 21



Io ho un problema personale con la Sicilia. E non è nemmeno di facile soluzione.
Qualcuno mi ha prospettato una scelta drastica: non andarci più e basta.

Ma che diamine c'entra la Sicilia con un semplicissimo pan di mandarino? C'entra, almeno nella mia vita da venti anni a questa parte.

Ero poco più che ventenne.
Studentessa di legge girovaga, innamorata del nord Europa in tutte le sue fredde sfumature. Per intenderci, per me esistevano solo temperature dai cinque gradi in giù, cappotti, Alpi innevate, Heidi, le caprette e il nonno. 
Ho reso l'idea?

Mi innamoro di un baldo giovine catanese Doc. 
Devi venire a vedere la mia terra.
Sua Maestà l'Etna, altissima (non è un errore, l'Etna è femmina😉) e levissima.

Mah, Stai parlando con una che dà del tu alle Alpi Svizzere e vuoi che mi faccia impressionare dall'altezza di un vulcano?

Devi vedere il mare, così cristallino e trasparente che Tropici levatevi proprio.

Seeee, noi a Roma c'avemo Ostia e Sabaudia e poi il mare, va beh, la sabbia, gli insettini, la salsedine...non è meglio una bella nuotata nella neve della Val d'Iser? Un meno dieci gradi che te tonifica pure la cistifellea?

E poi, le arance, scusa gioia (vezzeggiativo tipico lentinese 😀) ma voi le arance vere non le avete mai viste. Sono diverse da quelle che arrivano qui a Roma...ma anche i mandarini e i clementini e....

Inutile dire che parto in tenuta antisommossa con elmetto d'ordinanza. Io a queste sviolinate patriottiche non c'ero abituata...mi sembrava tutto troppo esagerato.....

Arrivo a Villa San Giovanni, pronta a smontare pezzo dopo pezzo la Trinacria...




Sono passati più di venti anni.
Quel baldo giovine catanese DOC l'ho sposato.
Abbiamo avuto due figlie e dal primo momento in cui ho messo piedi in Sicilia è nato il mio rapporto complicato con questa isola.

Perché arrivo e come imbocco l'autostrada per Catania direzione Lentini cerco con gli occhi quello che è diventato il mio punto di riferimento unico e insostituibile, sua Maestà l'Etna, con il suo immancabile pennacchio di fumo e la sagoma possente che non appare mai minacciosa ma sembra proteggerti. Le Alpi le amo ancora alla follia, ma l'Etna è il mio personalissimo faro.

Ho un problema con la Sicilia perché ho imparato ad apprezzare il mare. Quando arriva l'estate andiamo qui nel litorale laziale e mi sembra un bel mare, sto bene....fino al momento in cui non vado giù. E allora mi riempio gli occhi con la spiaggia piena di sassi di Taormina, con l'acqua cristallina di Vendicari, con la sabbia che sa d' Africa dell'isola delle Correnti, di Marzamemi. E quando torno qui non riesco più ad andare al mare. Finisce la stagione, anche se è ancora luglio. 

Ho un problema con le arance siciliane....perché è vero, quelle che hanno loro  assomigliano a palloni! Grandi, succose, dolci. Le nostre arance sono i loro mandarini per intenderci, non c'entrano niente mannaggia la pupazza.

Per questo motivo quando vado a comprare i mandarini sembro la brutta copia dell'Ispettore Gadget. Metto l'impermeabile, prendo la lente d'ingrandimento e mi sfinisco ( e sfinisco er fruttarolo) alla ricerca dell'agrume perfetto. 

Ecco cosa c'entra il pan di mandarino con la Sicilia. 
Leggo la ricetta nel condominio del mio cuore e già è una garanzia.
Vado in cucina e mi ricordo di avere ancora un po' di mandarini e clementini senza sapore.
Ok proviamo.



Che ricetta ragazzi.
Da fare, rifare e rifare ancora.
Con mandarini, arance, clementini e tutto il cocuzzaro belli, brutti, buoni, meno buoni, piccoli, grandi....

Le ragazze del condominio dicono che si conserva fino a tre giorni.
Seeeeee, nun c'arriva! Mezza giornata e ve la finite, un boccone tira l'altro e mentre vi ciucciate l'ultima briciola già con l'altra mano avete preso le uova per preparare un altro pan di mandarino!



Pan di Mandarino

320 g mandarini (clementini o arance)
3 uova
200 g zucchero
110 ml vino moscato 
110 ml olio di semi di girasole
300 g farina
1 bustina di lievito

Strumento indispensabile: il minipimer o frullatore a immersione. Devi prendere i tuoi mandarini, lavare con cura la buccia (strofina bene) e tagliare a cubetti tutto il frutto, buccia compresa. ovviamente togli i semi!

Metti in una ciotola i tuoi pezzetti di mandarino e frulla con il minipimer fino a ottenere una bella purea. Aggiungi l'olio, le uova, il vino e mescola.

In una ciotola a parte mescola la farina, il lievito, lo zucchero. Unisci i due composti e dai una mescolata sommaria. Devi semplicemente amalgamare gli ingredienti. 

Imburra e infarina il tuo stampo. Versa l'impasto e fai cuocere in forno caldo a 180 °C per circa 40 minuti. Prima di tirare fuori il tuo dolce, fai la prova stecchino, ogni forno è diverso!

Fai raffreddare e decora con lo zucchero a velo.


9 commenti:

  1. Questo tuo racconto delle arance/mandarini siciliani mi ha ricordato quando a Verona scoprì i limoni fosforescenti, di un giallo che non avevo mai visto... Questi dolcetti sembrano ottimi! Non pensavo che andassero con tutta la buccia, ma meglio così non si butta niente xD Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, io non ci credevo Pierre finchè il caro marito non mi ha fatto vedere una vostra arancia :) Si, tutta la buccia, così risparmiamo pure!
      Ti abbraccio delizia!

      Elimina
  2. L'uso dei mandarini interi mi risulta ricorda la mia marmellata. Bravissima...

    RispondiElimina
  3. Monicaaaaaa!!! :-))))))))
    Ahahahhahahahahahahahhaahaha, troppo bellissimo questo tuo racconto! Non so quante volte l'ho letto, ma potrei quasi recitarlo a memoria adesso!! :-DDDD
    Sono onoratissima che tu abbia provato questa ricettuzza praticamente in tempo reale! Bellissime le formine che hai scelto e bellissime le foto!!! Anzi, adesso te ne rubo una e la vado a mettere in bella mostra nella nostra paginetta dedicata! ;-)
    Grazie, e ancora grazie!
    Un bacio bello e l'augurio di una giornata piena di sorrisi! :-**********

    p.s. ho in cantiere un'altra ricettina che più siciliana di quella non si può! Spero di riuscire a condividere un'anteprima con te, presto! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh le formine...sai cosa sono? I petali di una margherita, guardali bene. Volevo realizzare una super torta con il mitico stampo in silicone a forma di margherita appunto. Beh, non se poteva guardà alla fine. Un petalo più ciccio, uno più secco, uno più alto e uno più basso. Un casino insomma. Alla fine l'ho scomposto ed è venuto così come in foto. mai più margherite GIURO! Aspetto con ansia la ricetta sicula. Devo dire che un'altra cosa che apprezzo della Sicilia è proprio la cucina!

      Un bacione!

      Elimina
  4. Io sono nella Sicilia sono stata solo una volta ed è il posto che più mi è rimasto nel cuore! Ho solo tanta paura di volare altrimenti passerei là tutte le estati! Proverò subito a fare la Vostra ricetta!!!

    RispondiElimina
  5. Capisco l'amore per questa mia terra e non posso darti che ragione. Questa torta la faccio anche io con qualsiasi agrume m capiti a tiro ed è sempre una favola. Al posto del vino metto lo yogurt. Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  6. La Sicilia, come la Calabria, mi è entrata dentro il cuore, proprio fa a pugni con i ventricoli ecco. E come te, quando rientro dalle mie vacanze, anche se è fine giugno (per me), l'estate è già bella che terminata perché il mare di Pescara in confronto a queste terre stupende, è il loro fiumiciattolo. Questo pan di mandarino assomiglia molto alla torta che ho fatto recentemente con i mandarini con buccia nell'impasto, ma qui tu usi anche il vino, quindi avrà una marcia in più, come la Sicilia appunto!

    RispondiElimina